giovedì 11 giugno 2015

Novità in libreria

Buongiorno, cari lettori e care lettrici!
Anche oggi vi propongo un post con alcune novità che sono uscite di recente e mi sono state segnalate dalle rispettive case editrici. ^_^
Comincio col mostrarvi "A Lupita piaceva stirare", il nuovo romanzo dal sapore nostalgico ed esotico, ambientato fra le strade chiassose di Città del Messico della scrittrice messicana Laura Esquivel, pubblicato in Italia da Garzanti e in uscita proprio oggi, 11 giugno.
Esce oggi anche il secondo romanzo che vedrete nel post, "Il segno perfetto", pubblicato da Rizzoli, il quarto e ultimo capitolo della serie, romantica e sexy, di Alessia De Luca.
Poi vi segnalo "Giovedì gnocchi. La ricetta del ricordo" di Barbara Solinas per Emma Books, il secondo racconto del Ricettario del cuore di Emma, nell'ambito di #EmmaForExpo un nuovo progetto nato proprio in occasione di Expo 2015, un ricco buffet di racconti che hanno per argomento il cibo.
Le ultime due segnalazioni sono "Questo non è un romanzo fantasy!" di Roberto Gerilli, pubblicato da Plesio Editore; un romanzo ambientato nella cornice d’eccezione del Lucca Comics & Games, che riflette con ironia sugli stereotipi più in voga nella narrativa fantastica e ritrae con freschezza e realismo i geek di oggi, e "Prova a prenderle! Le ragazze del roller derby", un breve racconto di Beatrice Dorigo, edito da Zandegù, che ci fa scoprire un lato democratico ed entusiasmante del roller derby, uno sport (spesso noto solo per le mazzate che le atlete si danno in pista!), in cui ogni ragazza si sente libera di essere accettata per quella che è, quale sia il suo peso, il suo look o i suoi interessi.
Fatemi sapere che ne pensate! :)



A Lupita piaceva stirare | Laura Esquivel
Garzanti | 191 pp.
16,90 € cartaceo / 9,99 € ebook

Fuori, Città del Messico splende delle luci della notte e il rumore della città si leva alto. Lupita non vuole sentire. Ha chiuso tutte le finestre, ha abbassato tutte tende. Vuole stare sola e cercare di non pensare. E l’unico modo in cui riesce a farlo è stirare. Il gorgogliare dell’acqua che si scalda, il vapore denso che offusca la vista, il profumo dei panni puliti che si intensifica nell’aria hanno il potere di calmarla. Perché le ricordano sua madre e della felicità di quando era bambina. Ma quei tempi sono ormai lontani, Lupita è diventata una poliziotta e oggi ha fallito nel compito che le era stato affidato, proteggere un deputato durante un trasferimento. Le sue mani tremano ancora e questo la riporta a una notte di tanti anni prima, quando la sua vita si è interrotta. Perché Lupita è una donna spezzata e il suo cuore è chiuso in un nodo di dolore che nasconde un segreto del suo passato che non può dimenticare. Ma adesso la sua vita è in pericolo, perché durante la missione Lupita ha visto qualcosa che non doveva vedere. Per salvarsi deve indagare e trovare i reali colpevoli, anche se questo rischia di riaprire le ferite del suo cuore. Ma solo così, forse, potrà riaprirsi alla vita e all’amore…
Dopo il grande successo di Dolce come il cioccolato, Laura Esquivel, la più grande scrittrice messicana, ci regala la storia di una donna dalla voce indimenticabile e potente. Un inno alla vita, ma anche una dichiarazione d’amore per la propria terra. La lotta di una donna forte, sensibile e guerriera.


L'autrice:
Terza figlia del telegrafista Julio César Esquivel e di sua moglie Josefina, Laura Esquivel si è dedicata alla docenza e ha scritto opere di teatro per bambini e sceneggiature cinematografiche. Nei suoi romanzi utilizza il realismo magico (combinazione del soprannaturale con la quotidianità).
Il suo primo e più celebre romanzo, Dolce come il cioccolato, è stato rappresentato al cinema da suo marito, il regista Alfonso Arau, e premiato con dieci premi Ariel della Accademia Messicana delle Arti e Scienze Cinematografiche. Nel romanzo, la scrittrice proclama l'importanza della cucina come il luogo più importante delle case, elevandola a sorgente per la conoscenza e la comprensione del sapore e del desiderio. Sia il film che il libro, tradotto in più di 30 lingue, ebbero molto successo.




Il segno perfetto | Alessia De Luca
Rizzoli | 272 pp.
15,00 € cartaceo / 4,99 € ebook

Lui ama lei, lei ama l’altro… che le regala abiti da sposa senza però chiederle la mano. Questa è la storia di Francesca Valentini (“lei”, romana e Scorpione doc) che sta per intraprendere una convivenza con Stefano, un “lui” (Toro) che la desidera con tutto se stesso e sa starle vicino nel modo in cui ogni donna vorrebbe. O forse Francesca è destinata a rincorrere sempre il bastardo di turno? Perché, si sa, in amore vince chi fugge e, a furia di scappare, “l’altro”, Massimo La Notte (segno zodiacale non pervenuto), ha conquistato il suo cuore. Confusa e in preda al panico, Francesca parte per un festival delle arti a Matera, una città magnetica e sospesa fuori dal tempo. Sono proprio quell’atmosfera incantata e il fascino di William (Gemelli), un attore dai ricci scomposti che ammalia mentre recita Shake- speare, ad accendere una nuova passione. Francesca prova a dimenticare i problemi di tutti i giorni, ma per fare pace con il cuore non basta una fuga d’arte… Di nuovo, le stelle sembrano avere ragione. E magari, a questo giro, decidono persino di strizzarle un occhio e, tra un matrimonio folle, ex fidanzati che ritornano e piccoli complotti, di aiutarla a ritrovare l’amore, stavolta per sempre.


L'autrice:
Alessia De Luca è nata a Roma e scrive oroscopi su alfemminile.com. Della sua serie sull’oroscopo, di cui sono stati già venduti i diritti tv, sono usciti Dimmi di che segno sei, Un segno dal destino, Nel segno della passione e Il segno perfetto.




Giovedì gnocchi. La ricetta del ricordo | Barbara Solinas
Emma Books | 42 pp.
0,99 € ebook

Ingredienti: 2 nonni speciali, forse un po’ magici; 1 ragazza che torna; 1 casa con un vialetto di sassolini bianchi; 1 cofanetto con i fiori arancioni; 1 vecchio 45 giri con il potere di predire il futuro; rose qb; un pizzico di polvere del tempo
[Preparazione] Ci sono canzoni capaci di predire il futuro a chi le sa ascoltare con il cuore. Ci sono relazioni famigliari che solo a distanza trovano il loro equilibrio perfetto e l’amore incondizionato. Ci sono ricette che vengono tramandate su un vecchio quaderno ingiallito dal tempo; gesti insegnati e ripetuti, consuetudini che ritroviamo nelle nostre vite, ma che arrivano dalle generazioni precedenti. Siamo ciò che cuciniamo prima ancora di ciò che mangiamo ed è tramandando ricette che diventiamo immortali.
[Rimedio] È la ricetta per chi desidera mantenere vive le proprie radici.


L'autrice:
Barbara Solinas è nata in un'alba fredda e nevosa di gennaio. Di quanto fosse fredda e nevosa, nei ricordi dei suoi genitori, il racconto si arricchisce di anno in anno e pare certo che solo per un caso non sia nata in un igloo di fortuna approntato in piazza, a Varese. Da questo inizio discendono due cose: ama follemente la neve; ama anche di più il mare, le spiagge calde e stare al sole; vive, è evidente, di contraddizioni. Lavora, è una mamma, osserva, si appassiona e ha una convinzione: tutto cambia, sempre, anche quando non vorremmo. Nella vita di tutti i giorni corre tra casa, ufficio e altre cose. Quando si ferma e respira, scrive. Un giorno andrà a vivere al mare.




Questo non è un romanzo fantasy! | Roberto Gerilli
Plesio Editore | 206 pp.
12,50 € cartaceo / 3,49 € ebook

Filippo Mengarelli ha un’ultima speranza: il Lucca Comics & Games. Il suo esordio letterario, Le cronache di Falcograd, è stato stroncato da pubblico e critica, e il resto della trilogia rischia di non essere mai pubblicato. Durante la manifestazione, il ragazzo vuole trovare qualcuno disposto a credere nella sua opera. E qualcuno c’è: quattro cosplayer ispirati ai protagonisti del romanzo, ragazzi molto immedesimati, al punto da far nascere qualche sospetto sulla loro identità. Aiutato dalla sua amica Alessandra, illustratrice e fangirl, Filippo dovrà scoprire la verità sui quattro e trovare il modo di assicurare a tutti il lieto fine. Tra citazioni e riferimenti nerd, Questo non è un romanzo fantasy evidenzia con ironia i pregi e i difetti del Fantasy visto attraverso gli occhi di chi lo scrive, ma soprattutto di chi lo legge.


L'autore:
Roberto Gerilli è un anconetano che da trentacinque anni vive cibandosi di libri, fumetti, film e serie tv. Si è laureato in ingegneria elettronica ma non è riuscito a creare il flusso canalizzatore, per cui ha deciso che da grande diventerà uno scrittore. Nel frattempo beve tè e racconta storie alla lepre marzolina. Nel 2014 ha pubblicato il suo romanzo d’esordio, Città Senza Eroi, edito da UteLibri. Scrive per Diario di Pensieri Persi e Speechless Magazine.




Prova a prenderle! Le ragazze del roller derby | Beatrina Incorporella aka Beatrice Dorigo
Zandegù | 35 pp.
1,99 € ebook

In "Prova a prenderle! Le ragazze del Roller Derby", la nostra Beatrina Incorporella, dopo le sue avventure allo stadio, ci porta sulle piste del Roller Derby.
Se non sai di cosa si tratta: preparati! Qua non c'è spazio per tutù e chignon o costumi con gli strass. C'è tutta la grinta di ragazze di ogni taglia e look che scendono a rincorrersi sui pattini a rotelle: divise in 2 squadre agguerritissime se le danno di santa ragione in questo sport che è tanto spettacolare quanto duro, faticoso e punteggiato di amicizia, estetica punkettona e grande fair play.
Dalle regole base, alla storia che ha radici nell'America della depressione, "Prova a prenderle!" parla di allenamenti, voglia di stare insieme e desiderio di riscatto, in un reportage frizzante e divertente che raccoglie le interviste ad alcune delle più importanti giocatrici di Roller Derby italiane: dalle Bloody Wheels di Torino alle She Wolves di Roma.
Il tutto condito dalla penna ironica e mai banale di Beatrina Incorporella e dalle foto in bianco e nero di Fabrizio Pece.


L'autrice:
Beatrina Incorporella AKA Beatrice Dorigo racconta: «Nasco nel 1980. Avrò vent’anni nel 2000 e la cosa mi sembra molto romantica. Imparo a leggere e scrivere a cinque anni e da allora non ho mai smesso di farlo. Forse è proprio per questo che nella mia vita adulta mi occupo di scrittura e coaching ma soprattutto di libri: non solo perché ne compro e leggo in maniera compulsiva, ma soprattutto perché la mia fonte di sostentamento primaria è consigliarli e venderli. Ho all’attivo ben due fatiche letterarie: Tipe da stadio. Il lato rosa della curva (Zandegù, 2014) e L’amore si impara leggendo (Sperling & Kupfer, 2014). Il mio blog è incorporella.com, ma mi trovate anche su cpiub.com»





6 commenti:

  1. Risposte
    1. A me insomma, non tanto, ma non è uno dei generi che prediligo :P Magari se avessi voglia di una lettura leggera leggera, lo prenderei in considerazione ;)

      Elimina
  2. "A Lupita piaceva stirare" sembra una lettura interessante :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, anch'io penso sia interessante, sembra una bella storia ^_^

      Elimina
  3. Novità interessanti!
    Colgo l'occasione per dirti che mi sono aggiunta tra i tuoi lettori fissi e ho inserito il tuo blog nella home tra gli amici blog. Se ti va di passare a dare un'occhiata sono qua: http://chelibroleggere.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Claudia, mi fa molto piacere che ti sia unita ai followers! *_* Ora passo anche dal tuo blog! :)

      Elimina

Ti è piaciuto questo post? Allora, se ti va, lascia un commento!
Oppure condividilo su FB, Twitter o Google+!